THE PALM, THE EYE AND LAPIS-LAZULI

La salita da quel momento divenne difficoltosa e piena di insidie. Nicola, nonostante tornasse alla sua vita umana in carne e ossa cominciò ad avere le sue prime difficoltà nel camminare.

Lo stato vegetativo e il successivo rito lo consumarono energeticamente, ma non demordeva nel proseguire la nostra scalinata. “Dammi tempo, ho solo bisogno di rodare la mia camminata. Intanto passami quel “catocchio” di ventricina delle tue parti, che mi darà energia! Altro che integratori”.

Questo suo spirito giovale ,nonostante fosse totalmente consumato, da una parte mi dava ancora più voglia di arrivare da Mara insieme ,dall’altra mi metteva in guardia di doverlo difendere, in caso di attacchi degli Spiriti del Nulla.

Ma si sa, noi Molisani siamo così, resilienti fino al midollo, davanti ad ogni difficoltà, quindi la lenta traversata , tra un boccone e un altro ,divenne un piacevole rituale.

Uscendo dalla boscaglia fitta del pianoro ci ritrovammo a “Serra di Macchia Strinata”: qui il sentiero esce allo scoperto e la vista si apre a una splendida visione: la depressione del Lago Matese, con tutte le altre cime incontro.

Dopo aver camminato così tanto all’interno dei boschi ritrovarsi un pò di piacevole colore e cambio fisico ci rinfrancò. Anche Nicola sembrava riprendersi dinanzi a tutto questo. O forse la Ventricina aveva fatto il suo effetto. Del resto noi molisani siamo fatti di Ventricina.

Da qui in poi il terreno divenne sempre più aspro e brullo: il verde si trasformò in un sistema grigio di rocce sedimentarie , con tracce di vita vegetale lichenica nei suoi meandri. Ci stavamo sempre avvicinando alla vetta, che finalmente vedevamo di fronte a noi. Continuammo a camminare con sempre più spirito finché vedemmo la carcassa di un orso stesa a terra. Una coppia di corvi neri pronta ai suoi lati pronta ad azzannare la sua carne rimasta.

Cominciarono a mangiare e lasciare le sue interiora attorno , finché una fascio di luce viola li attraversò. L’impatto fu così forte che sentimmo lo spezzarsi delle loro ossa, una ad una . Un rumore sordo, come un pallone sulla traversa, continuo. Mentre le ossa flettevano e si spezzavano, la loro carne veniva fatta a pezzi. Il loro sangue si riversò in tutta la zona circostante come un fiume in piena. L’impatto arrivò anche a noi ricoprendoci totalmente .

Nicola si girò e seraficamente disse :” Sangue di corvo…sembra il sapore di un tacchino,buono!” E da li partì una risata infinita.

“Seguiamo la Luce!” esclamai verso di lui “vediamo dove ci porta”

“Tanto Giusè, se ci va bene abbiamo trovato quello che cercavamo, se ci va che può succedere di più?” in un mix tra cinismo e ironia , che ci contraddistingue da sempre .

Ci incamminammo per seguire quel fascio di luce. Era così distante da noi ma sentivo dentro di me che stavamo arrivando al punto cruciale del nostro Viaggio.Questa luce era così forte che creava una schermo al nostro passaggio. I Corvi e le altre creature che volavano in cielo rimanevano a distanza, volteggiando ed agitandosi nell’aria ossessivamente .

Proseguimmo a passo sempre più spedito, tenendo conto che il tempo stava passando e a breve non ci sarebbe stato più spazio per il Sole. Quindi dovevamo trovare una soluzione su dove accamparci per la notte. Ma la voglia di vedere dove quel raggio ci portava era più forte di fermarci, quindi proseguimmo lungo questo sentiero scosceso, tra rocce e desolazione.

Una voce lontana ci inondò come fosse brezza leggera : “Venite a me! Seguite la Luce!” Ci guardammo in faccia con fare convinto, stavamo arrivando.

Dietro di noi nel frattempo i rumori diventarono sempre più incessanti, come se qualcosa si stesse ricomponendo.

Nicola si girò e vide l’orso che qualche minuto prima era steso sul terreno e maculato piano piano ricomporsi , davanti ai suoi occhi.

“Questo posto si sta rivelando sempre più incomprensibile da capire”, disse

L’Orso , una volta in piedi , alzò la sua per salutarci, e sembrava seguirci.Nel frattempo, vedemmo finalmente la vetta del Monte Mutria, e il fascio di Luce che terminava all’interno di una fessura nella Montagna. Era una grotta.

Arrivammo nella radura in cima alla vetta e notammo una figura dinanzi la grotta.

Sinuosa ,senza veli , piena , adornata di una carcassa di cervo sulla testa, e nelle mani la sorgente di quella luce. Potente, estasiante.

“Ben arrivati! Il Viaggio vi ha condotti qui, alla ricerca di saggezza e protezione. Immagino sia stato estenuante e difficoltoso, ma ogni percorso nel se deve incontrare un “nemico” da combattere. Senza difficoltà non vi è consapevolezza. Io sono , Māra, la guardiana del Lapis Lazulo Rosa, e vi stavamo aspettando. Entrate , siate i benvenuti, questa è la Vostra dimora!”

Per quello che da fuori poteva sembrare un grotta minuscola dentro nascondeva una grandezza impensabile! Diverse grotte in una , ognuno con il suo spazio, che a pensarci potrebbe ospitare una piccola comunità tranquillamente.

“Siete stupiti eh?questa è la mia dimora da Eoni, da quando ,grazie a Kerres e Mamerte, ci prendemmo cura della gente e di questo splendido territorio. Abbiamo sempre custodito la leggiadria e lo spirito guerriero e resiliente di queste montagne portandolo a voi.”

Nicola ascoltava estasiata il suo discorso,e il suo animo da archeologo venne subito a galla : “Māra,Māra…ma tu non sei una divinità originaria di queste terre…cosa ci fai qui?”

“Bella domanda, mio caro archeologo…la più grande risposta plausibile che posso darti è che Noi, non apparteniamo a un unico posto. Vaghiamo, flottiamo nello spazio e nella materia cercando una nuova dimensione. Quello che siamo al di sotto della superficie cerchiamo di trovarlo “sopra”. Dopo la mia lotta contro il “Risveglio” ho vagato tanto ,trovando un luogo dove poter valorizzare le mie Arti. Ho trovato il Mutria ,e da lì è stato il mio rifugio da Eremita per custodire il Lapis Lazulo Rosa, e poter far beneficiare dei suoi effetti a questo posto , a Voi. Ma non sempre funziona.”

Nicola,soddisfatto, annuì e continuava ad ascoltarla ,come se fosse rapito da quella voce .

Io invece ,ero più interessato a ciò che significava quella gemma , e come poteva aiutarci nella nostra missione ,quindi, con fare investigativo, chiesi :

“Abbiamo visto questa luce uccidere i grandi Corvi dilaniandoli in un attimo , e poi successivamente far rinascere la vittima morente dell’Orso stesa sul terreno , e ancora ora non riusciamo a capire come…”

“..la soluzione a quest’enigma è semplice :

il Lapis Lazulo Rosa è dono di protezione e saggezza.

L’Occhio che sorveglia e difende dall’alto, il Palmo che spezza l’influsso neutrale e dispregiativo del Nulla.

E’ piacere e saggezza allo stesso tempo;

Terrore, Morte e dubbio per gli stolti

Vita e saggezza per gli eletti

Ogni giorno di Luna Calante di pioggia o di neve tale energia viene portata a voi, e solo le anime predisposte sanno prendere tale dono

Ora, pensando a tutto questo , saprai trovare la risposta più congrua al tuo dubbio”.

In quel momento nel momento , l’Orso in questione entra nella Grotta.

Il suo corpo era intatto…o meglio…scoprimmo avvicinandoci che il suo viso aveva connotati umani!

“Non avete mai sentito parlare dell’Orso di Jelsi, del Cervo di Castelnuovo o del Diavolo di Tufara? Pensavate che erano solo leggende lontane, ma il loro spirito è sempre vissuto qui! Loro sono i Vostri spiriti guida , e insieme a noi nell’Hurz farete parte del grande Rituale Lex Sacrata”.

“Lex Sacrata? ” chiese estasiato Nicola guardandomi come un bimbo in un negozio di giocattoli”.

“Ora è tutto pronto , ma prima unitevi con noi e rilassatevi, il tempo delle domande è terminato”.

E mentre ci accingevamo al gran rito urla sotterranee dirompenti continuavamo ad aleggiare su di noi. Ma forse, per la prima volta in questo Viaggio, ci sentimmo al sicuro.

ALL IS VIOLENT, ALL IS BRIGHT

La notte sembrava non finire mai ma non avvertivo stanchezza. Continuavo a danzare senza un perché, in preda a quella isteria, con delle creature che oramai sentivo vicine, mie. Chi avrebbe mai detto che mi sarei ritrovato, un giorno, a condividere il quotidiano con qualcosa che credevo non esistesse. Nella mia vita, il sovrannaturale ha sempre avuto il suo fascino ma mai avrei pensato che diventasse realtà. La maggior parte delle persone sarebbe scappata a gambe levate o avrebbe chiamato un esorcista. Io, invece, dopo un inizio faticoso da digerire, sembravo oramai abituato a vivere con i miei nuovi ‘amici’.

Eravamo ubriachi di Idromele, le creature sembravano godere di questa situazione di non controllo e anch’io sembravo non disdegnarla.

Mi appoggiai ad un albero e mi sentii accarezzare. Per la sbronza che avevo, avrei detto di averlo immaginato fino a che sentii abbracciarmi calorosamente. Mi girai e vidi che l’Albero aveva forma metà umana metà legnosa. Il suo viso era sorridente e genuino. Prima di lasciare la presa, mi sussurrò qualcosa nell’orecchio: “Cerca la tua sorgente. Cerca Māra.”

Rimasi un pò a pensare, poi, arrivarono le creature e mi riportarono a bere . Credo sia l’ultimo ricordo lucido di quella giornata, tanto che, al mio risveglio, mi ritrovai nel mio letto, con una profondo mal di testa e la bocca impastata, come se avessi il cemento a presa rapida. Il mio aspetto non era dei migliori e il caldo esagerato di questi giorni di Agosto accentuava questo mio senso di sofferenza. Non feci in tempo ad alzarmi che dovetti correre di corsa in bagno a vomitare. Una, due, tre volte di seguito. Come ogni altra volta, dai 18 ad oggi, dissi a me stesso che non avrei più bevuto, ma sapevo già che sarebbe stata l’ennesima illusione personale fatta parola. Cercai di darmi un tono e mi vestii velocemente per andare a lavoro. Non ero in ritardo ma nello stato di scombussolamento in cui versavo era meglio anticipare le cose. Cosa avrei raccontato ai miei colleghi quando mi avrebbero chiesto della mia riconoscibilissima faccia post-sbronza? Di certo, non che avevo trascorso la mia giornata di riposo senza gli occhi, trasportato da un vortice d’aria e poi ubriaco fradicio con delle creature sovrannaturali ahahah.

Alla fine, tutti questi pensieri vennero cancellati dal ritmo lavorativo pieno, con il mio essere che arrancava. Tutto questo continuo correre, senza avere quasi neanche il tempo per pisciare, mi metteva alle strette.

Andai in pausa pranzo, cercai di mangiare il più leggero possibile e andai in bagno. Mi sciacquai la faccia e, mentre alzavo la testa verso lo specchio, notai un post-it attaccato. C’era scritto: “Sei sicuro che sia questo che vuoi per la tua vita? Cerca la tua Sorgente.” E i miei occhi riflessi sul vetro tornarono ad essere neri.

Era la seconda volta, in poco tempo, che quelle parole facevano capolino ed ero intenzionato a comprendere cosa stesse succedendo.

Continuai il mio lavoro quotidiano finché arrivò un collega con un pacco consegnato per me. Aprii la confezione e trovai una collana con una pietra nera, sotto di essa, un bigliettino: “Ore 22.30, Zeppelin.”

Un appuntamento al buio… oppure, sapevo già chi sarei andato a trovare?

Per i miei colleghi, questa scena in cui leggevo un bigliettino era sinonimo di qualche incontro che sarebbe finito in alcool &perversione, mentre io cercavo di tergiversare con un pò di pseudo imbarazzo addosso.

Finii di lavorare alle 20.30 e mi preparai per l’appuntamento. Uscii in anticipo come mio solito e mi recai in questo locale, conosco i proprietari oramai da una vita, grazie alla passione reciproca per il Metal e per i concerti. Approfittai dell’anticipo di mezz’ora per fermarmi a parlare con Roberto che, nonostante sia sopra i 40 da tempo, conserva questa immagine da metalhead mista a vichingo, con il pizzetto folto oramai bicolore tra il castano e i grigio e la pancia rotonda figlia di tante Forst.

“Ehi ragazzo! Da quanto tempo! Che ci fai qua?”, mi salutò con la sua solita tonalità gioviale. Cominciammo a parlare del più e del meno, delle nuove uscite di dischi e dell’attività live che svolgeva assieme ad altri vecchi conoscenti della scena Metal Molisana, i Blacksters con scorci Sanniti Sakahiter. Nel frattempo arrivò anche Danilo, l’altro proprietario del bar, a salutarmi. Dopo i convenevoli, si avvicinò e mi disse all’orecchio: “C’ è una ragazza nella sala che ti sta aspettando.” Li salutai, presi la mia birra e scesi in sala.

Non mi aspettavo altro che lei, Ereshkigal, nel suo aspetto ‘umano’ e riconoscibile. Portava una bombetta nera che copriva in parte la sua folta chioma rossa, tubino scuro e Dr.Martens ai piedi.

“Puntuale come sempre !” mi disse, avvicinandosi per salutarmi.

“Comportiamoci come il resto degli umani!” disse, con il suo tono sempre molto formale, quasi regale.

“Allora, per una volta scendiamo allo stesso livello, ci stai? Per questa sera niente diktat , solo discorsi in libertà “y a vivir“, come fanno veramente gli ‘umani’, ok?”

Sorrise e, da questo momento, la tensione si allentò.

Ordinammo da mangiare, e le consigliai “Molisn’t”, l’hamburger con scaglie di tartufo e pecorino di grotta, uno dei miei preferiti fatti in questo locale. Mi sembrava davvero di non avere di fronte a me una divinità-mostro esistente dall’alba dei tempi nell’Universo, ma una persona dotata di profondo senso critico e saggezza. Cominciammo a parlare di questa terra, il Molise, tra un bicchiere di vino rosso e un altro versato, e nacque una profonda digressione:

“Sai, ho scoperto questa Terra tantissimo tempo fa, quando seguivo la popolazione locale durante il VerSacrum, nei pressi del monte Mutria. Rimasi colpita dalla sua energia spirituale e magica e quei rituali animali li sentivo miei, figli della nostra tradizione tramandata attraverso il sangue. Qui trovai la mia casa, travestita da umana. Mi feci notare per le mie doti ‘magiche’ e di guaritrice e restai con loro. Assistei alle guerre con i Romani e dalla corruzione che si insinuò nella popolazione nonostante intimassi loro ciò che stava per accadere. Da lì, i trattati di “pace” e la desannitizzazione. Mi trasferii come eremita sul Monte Matese e vissi lì, in solitudine. Diventò il mio faro nel mondo, il mio aspetto si tramutò nella mia forma divinatoria che voleva tentare di indirizzare l’Universo ma, alla fine, ne sono solo guardiano e messaggero .”

Ero così assorto in questo racconto che non riuscivo ad avere reazioni. Avrei ascoltato questo discorso tutta la notte.

“Che vuol dire che sei solo ‘messaggero’ ?”

“Che tutti serviamo qualcuno. Lilith, che ha ‘salvato’ la tua vita terrena, è la nostra Stella del Sud. Il nostro Smeraldo protettore, la Saggezza e il nostro Spirito Guerriero. Io, lei e Māra siamo, come dite voi umani, quasi sorelle, legate a questa dimensione per proteggerla e servirla, per mantenere l’ordine naturale delle cose.”

“Difendere da cosa?” risposi.

“Dal Nulla. “

“Cos ‘è il Nulla ?”

“Il Nulla è attorno a te, è anche dentro di te. Nelle parole, opere, pensieri. E’ qualcosa che ha distrutto l’opera che Noi antichi avevamo costruito nel tempo, con la magia, i rituali, i nostri Templi. Tutto sparito. Per rimanere ‘in piedi’, abbiamo dovuto stringere patti con loro, creando quello che vedi, il Bosco delle Futilità e altri luoghi in questa regione che ci ospita e che cerchiamo di servire. Ora, il nostro ‘esercito’ sta lentamente cadendo, trasformato in alberi. Il prezzo da pagare per le creature che si fanno ammaliare da questo canto di sirene è rimanere per l’eternità fermi, immobili, senza poter avere un senso di vita, condannati all’immobilismo eterno. Questo perché il Nulla ha deciso di rompere il patto e fare di noi sacrificio per il suo popolo. Noi siamo il ‘Male’ e, come ogni azione di propaganda, esso ha bisogno di un ‘nemico immaginario’ da combattere.”

“E io cosa posso fare?”

“Tu, discepolo, devi proteggere la nostra fonte vitale, il Lapis Lazulo Viola. Esso è situato dove ebbe inizio la Nostra Storia, sulle pendici del Monte Mutria. Per far questo, hai bisogno di partire e trovare la tua Sorgente. “

“Ma non posso lasciare tutto questo! Cos’è la Sorgente?”

“Tutto questo non ti appartiene, è solo frutto del tuo bisogno primario di sopravvivere. Sei tu che dai importanza a tutto questo ma, ora, hai bisogno di trovare quello che c’è in te come Bene Maximo. Solo questo rimetterà in equilibrio tutto.”

Tirò fuori una mappa con alcuni luoghi segnati come tappe. Avevo la faccia persa e perplessa di chi non stava capendo nulla di tutto ciò. Pagai e uscimmo.

Mi abbracciò e mi sussurrò: “Ora sai cosa fare. Cerca la Sorgente, cerca Māra che ti darà ristoro e aiuterà . Io sarò con te. Confido in te.”

Poi, sparì nel nulla, mentre dallo Zeppelin partirono i God is an Astronaut.

Era proprio come quella canzone nell’aria, tutto Violento e tutto Luminoso.