QUEEN OF THE SABBATH

Il vortice attorno a me si fece sempre più cupo. Ero in uno stato di  incoscienza e sentivo parti del mio corpo aprirsi come in ruscelli di sangue.                     

Dopo questo attacco, crollai in un vortice nero. Sentivo i miei occhi chiusi e tutto il resto come perso nel vuoto. 

Difficile raccontarlo a parole, ma sembrava che stessi morendo. Fui salvato da qualcosa ma, in quei momenti, non vi erano risposte, solo il vuoto più plumbeo. 

Nel mio inconsciente non riuscivo ad identificare dove fossi. Cominciai a sentire una voce lontanissima e, in fondo, una luce fioca. 

“Spirito guida, svegliati da questo torpore! Vieni verso la Luce, sii Forza per la tua Fiamma, vieni a me! O grande Madre Oscura, regina dell’Umanità, vieni a noi e danza per la fiamma del nostro guardiano caduto!”

Un mantra continuo aleggiava nel buio.

Si formò uno specchio davanti a me. 

Sembrava di vivere un’altra vita. Di colpo mi alzai e mi fissai nudo in questo specchio, maciullato e divorato in diverse parti e tutto intorno cominciò a prendere vita. 

Si formò una spiaggia lucente, il mare placido e lo specchio che a poco a poco le onde portarono a largo con il loro imperversare. Sullo sfondo dell’orizzonte, una patina rossa intorno al sole. 

Una voce che ripeteva: “Nuota e vieni dalla tua Madre Oscura !” Mentre mi accingevo a muovere le prime bracciate, si accese una visione nel cielo: il mio corpo sdraiato e Ereshkigal di fianco a me in tono rituale. Dietro di lei, una signora con un altare che compiva un sacrificio di sangue. Il sangue colava dentro un calice enorme e la Guardiana, con le mani sulle mie ferite. 

“Nuota! Vieni verso di Noi, nuota verso la tua Oscurità!” ripeteva questa voce mentre continuavo affannosamente a nuotare, senza trovare arrivo. 

Si presentò davanti ai miei occhi un lembo di terra. Sembrava un’oasi del deserto. Ci arrivai, era un’isola, che mi ricordava tantissimo l’Isola di San Nicola, alle Tremiti, un paradiso naturale, pieno di natura selvaggia. Appena misi piede sull’Isola, la voce cominciò a parlare: “Cerca la tua Luce nell’Oscurità! Cerca il tuo simbolo del passato, quello per cui hai creduto nel cambiamento. Quello che ti ha tenuto in vita quando ne hai avuto bisogno.” 

Sorpreso da questi giochi continui, cominciai ad esplorare le coste frastagliate dell’isola. Mentre mi muovevo, mi rendevo sempre più conto di non sentire dolore, né sangue che usciva dal mio corpo. 

Arrivai davanti a un burrone con una scala impervia: vidi pezzi di roccia sospesi, come se fossero stazioni di gironi infernali, come se si trattasse di un film di azione, mi fece scendere repentinamente verso il primo costone. 

Mi girai e trovai un oggetto familiare: un trenino giocattolo. Fu il primo regalo che mio padre mi fece quando ero piccolo. Lo toccai e cominciò a muoversi da solo, fino ad accompagnarmi alla scala per scendere di nuovo. La percorsi affannosamente e continuai a scendere verso il precipizio. Rimase l’ultimo costone da raggiungere, quello più impervio. 

Cominciai a notare gli scogli e l’acqua sotto di me. Questa parte di roccia era a metà strada prima di arrivarci.

Scesi e sulla punta trovai altri oggetti: dei vestiti pieni di fango, un disco dei Judas Priest “Live Meltdown” e una foto: io ed i miei amici con le mani strette in aria in un concerto. 

Allora riaffiorarono i ricordi. Quel Gods oF Metal in cui arrivò il nubifragio e andammo a dormire pieni di fango fino alla cintola. 

Quella stretta di mano, mentre suonava “Diamonds and Rust “ dei Judas Priest e quella promessa  nel momento in cui stavamo vivendo qualcosa di unico insieme. 

Questo costone prima del precipizio era diventato come una metafora di tutto quello che successe dopo. 

Mi inginocchiai, la faccia sulla terra. 

Piansi.

In quel momento, sentii spaccarsi la roccia attorno a me, e caddi nel vuoto.

L’impatto non mi portò a cadere in acqua ma solo in un’altra scenografia.

Caddi sul terreno, alzai lo sguardo e sembrava di essere in una grotta.

 Vidi Ereshkigal e l’immagine del mio corpo morente sullo sfondo.

Mi avvicinai e sentii una voce esclamare: “Eccoti! Hai fatto un lungo viaggio, ma sei riuscito a venire a me!”

Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo.

 “Sei solo lo spirito che aleggia dentro il tuo contenitore che, come vedi, sta soffrendo in una lotta tra il mondo labile e l’altra dimensione.

 Quello che hai fatto fin ad ora non è altro che la ricerca del tuo Essere per guarire. 

Ti stiamo curando per tornare nella tua dimensione terrena. Ma questo dipende da te. Come Regina Oscura dei due Mondi, ti ho voluto far capire che senza lotta il tuo essere sarebbe morto, con me nella Dimensione Oscura. Oggi hai visto quello che ti salvò in quel momento e cosa ti legò al tuo mondo reale, ciò che nel corso del tempo hai dimenticato.

 Il tuo Bambino Interiore e il tuo Spirito Ribelle sono rimasti soffocati da una ricerca spasmodica della Futilità e l’apparenza. E così, hai visto crollare qualsiasi cosa. 

Come Ereshskigal ti ha insegnato, avrai tanto da imparare per cercare la Via Maestra.”

“Mi sta dicendo che è stata tutta una finzione?” 

“No. L’attacco è stato frutto di quello che doveva succedere. Chi lo ha fatto, ti ha riconosciuto come capro espiatorio delle sue colpe. Fortuna ha voluto che hai sempre tanti occhi che ti seguono, anche se non ci vedi!”

“Tornerò a vivere?” In quel momento, alzò la sua mano sinistra dalla quale uscì un serpente. Baciò la sua testa e lo passò a Ereshkigal che, a sua volta, lo posò sul ventre del mio corpo vivente.

“Ora torna alla realtà terrena con la nuova consapevolezza di essere Spirito tenace pronto a seguire lo spirito Oscuro. Torna da questo cerchio del Sabba alla tua vitalità ancestrale!”

Il Serpente morse la mia pancia, creando un buco su di essa.

“Ora torna dentro di te, Anima Guerriera. Danza per me!”

Sentii il mio essere lievitare, mi avvicinai a lei e dissi: 

“Grazie di avermi fatto vedere la Via, e di farmi tornare in vita. Chi sei ,e perché hai fatto tutto questo?”

“Io sono Lilith, la Regina Oscura, colei che governa i due mondi perchè così è sopra e così è sotto. Capirai ogni gesto a tempo debito. Ora va!”

Il mio spirito entrò nel mio contenitore e sentii un fragore profondo inconsciente. Mi risvegliai nel mio letto. Tyrion mi leccava il viso. Nessun segno di ferita attorno a me.

E un mal di testa da sbornia epocale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...