SILENCE TEACHES YOU HOW TO SING

Di colpo caddi in un sonno profondo. Non ricordai nulla di quella notte macabra. Fu una di quelle notti in cui dormii tantissimo, come non succedeva da tempo.

Quando aprii gli occhi, avevo addosso la sensazione di aver vissuto qualcosa di abominevole, sanguinolento, un sapore di sangue in bocca da far schifo.

Corsi a vomitare in bagno, e restai a farlo per diverso tempo. Tutto quello che avevo vissuto, stava ritornando alla mente in maniera veloce e non potevo far altro che rigettare quello che c’era dentro di me.

Alzai lo sguardo verso lo specchio e mi vidi insanguinato, ovunque. Sul viso, sulle braccia, sulle mani. Mentre mi specchiavo, una scritta sullo specchio insanguinata si creava: MURDERER.

Abbassai lo sguardo e mi guardai: il sangue era sparito. Guardai di nuovo verso lo specchio e non c’era nulla. Una risata serafica accompagnò l’ultimo sguardo.

Uscii dalla casa per andare a vedere il Bosco in che condizioni fosse. Sembrava che nulla fosse successo. Nessun odore di zolfo, nessuna traccia di sangue. Continuai a perlustrare e trovai Francesca dall’altra parte del sentiero ferma, come se mi stesse aspettando. Credo che notò la mia agitazione da lontano.

“Buongiorno!cosa succede? Hai una faccia… vieni dentro che preparo la colazione!”

La seguii nella grande casa e mi posizionai vicino al camino. Tremavo come una foglia. Si avvicinò e mi posò la mano sulla spalla, dicendo: “Lo so, quello che hai visto stanotte è forte. Ma non credo che tu non abbia già vissuto cose così dannatamente “strane”. Hai visto i miei genitori su un altare sacrificale, con una Dea guardiano, attuare un sacrificio per farti entrare nel rito di iniziazione per poi scoprire, il mattino dopo, che tutto è stato ripulito, come se nulla fosse accaduto. E’ decisamente strano. Soprattutto sapere, adesso, che non tutto ciò che hai vissuto stanotte è vero fino in fondo”.

Inarcai il sopracciglio destro e chiesi con fervore cosa stesse dicendo.

“Vedi – continuò – il sacrificio in sé è stato perpetuato, ma nessuno dei tre è morto realmente. Siamo entrati nel loro sogno come abbiamo fatto con te in precedenza e lì abbiamo preso una parte della loro essenza. Facendo del male, questo sì. Si troveranno ferite ovunque, che non potranno mai spiegare, perché non ricorderanno come se le sono procurate, e, soprattutto, non potranno raccontare di essere finiti in un bosco. E ora, credo, smetteranno i loro loschi affari. E senza la loro Grazia. Cammineranno come spiriti nulli nello spazio terreno”.

“Quindi non sono morti? Cosa avete voluto indicarmi con questa scena?”

“Quello che è successo stanotte ti ha iniziato come Guardiano dell’Oblio. Da adesso in poi, in qualunque posto ti troverai, ti verrà indicato un processo da fare per ripulire la tua Essenza. Non tornerai perfetto perchè nessuno lo è né lo sarà mai ma sarai in grado di sviluppare arti sconosciute alla maggior parte delle persone. Magari anche soffrendo come è successo a me, a tutti noi, ma tutto questo ti servirà tanto”.

Le sue parole rimbombavano come la musica a tutto spiano in un rave. Ora era tutto chiaro: quello che avevo vissuto era il modo per indicarmi cosa avrebbe potuto accadermi in caso avessi sfruttato tutto questo secondo altri fini. In più, tutto questo mi stava portando a un percorso di crescita in cui forze oscure mi avrebbero donato i loro insegnamenti. Se, da una parte, continuava a essere surreale, dall’altra ammetto che questa cosa iniziava a stimolarmi. Ma, soprattutto, cominciavo a chiedermi: quali saranno questi insegnamenti così importanti?

“Da quanto lo hai scoperto, tu?” chiesi

“Lo so da sempre, da quando eravamo bambini. Una notte, trovai i miei genitori nel Bosco a bere sangue di animale, inginocchiati. Mi spaventai e non chiesi nulla per anni… Divenuta maggiorenne, fu proprio mia madre a raccontarmi tutto. Mi disse anche che le avevano raccontato di una bimba che li aveva visti. Da lì, iniziai questo percorso intenso, che non potevo raccontare a nessuno se non alle persone con cui avevo un legame forte. Alcune sono sparite poco dopo dalla mia vita e hanno continuato nella propria, altre sono sparite del tutto… e non chiedermi perché. Quello che posso dirti ora è che, questo processo, ha cambiato le nostre vite: ci ha permesso di vedere ciò che di malsano e apparente stava attanagliando il nostro quotidiano per renderlo più genuino. Si impara ad amarsi davvero senza aver bisogno di effetti speciali, né dogmi, né catene. E anche la vita di chi ti gira attorno ne beneficia.”

“Quindi è una via motivazionale?”

“Non posso dirti più di tanto perché lo scoprirai. Ma, sicuramente, imparerai ad avere un rapporto con te stesso quasi ancestrale, basato su quel che hai. E che sicuramente oggi, non conosci. I doni che ti verranno dati, amplificheranno la tua consapevolezza, permettendoti di trovare un percorso interiore nel quale “scavare”, aiutandoti a vivere meglio e, soprattutto, a trovare persone che sono nella tua stessa situazione. Ora va verso il fiume, c’è qualcuno che ti aspetta.”

Mi abbracciò forte e mi incamminai verso il fiume.

Trovai sulla riva, di spalle, una giovane fanciulla che dipingeva su una tela. La sua chioma rossa fluente era coperta da una bombetta di colore nero. Si girò e la riconobbi. Ereshkigal.

“Ora conosci la mia forma umana. Ti aspettavo. Ho seguito da lontano le tue domande a Francesca. Stanotte sei diventato ufficialmente uno di noi. Questo vuol dire che potrai trasportarti nella notte ovunque noi ti diremo di andare. Nel Bosco delle Futilità, su una montagna, in una grotta, sott’acqua… tutto questo lo capirai durante il tuo percorso. Quello che ti ho detto ieri sera, è tutto vero: ad ogni luna calante, alle 3:33 perderai qualcosa di te stesso e dovrai essere capace di “recuperarlo” attraverso l’uso della tua mente. Dovrai essere attento e capace di farlo. Non si impara in un giorno. Ma sono certa che sarai in grado di farlo. Per riuscirci, dovrai iniziare a trovare il silenzio dentro di te. Qual’è l’ultima volta che lo hai sentito veramente?”

A questa domanda, non riuscii a dare una risposta. Mi guardavo attorno continuamente, come se fossi in cerca di un suggerimento. Mi bloccò e girò la sua tela: c’era una bottiglia in fondo al mare e, al suo interno, c’era una lucina, come una lucciola attorniata da una coltre nera, come immersa nella nebbia.

“Quella che stai vedendo, è la tua Essenza: una luce fioca in una bottiglia gettata dal mare, circondata da una nebbia scura. E’ come il tuo Spirito: messo all’angolo dalle tue insicurezze, la voglia di ambire a qualsiasi cosa, di possedere quello che non hai. Tutto questo ha fatto diventare te stesso un pugile suonato all’angolo. Le Anime ti stanno mangiando, non riesci a guardare nemmeno che c’è in Te. E ti assicuro, c’è tanto. Quello che dovrai fare adesso è semplice: trovare il tuo silenzio. Ora farai questo per me: immergiti nel fiume, chiudi gli occhi, estraniati da questo mondo, entra in contatto con la Natura e trova un pensiero fisso nella mente. Una volta fatto, ripeterai: <<Io sono il mio silenzio, il mio silenzio imperfetto, la mia essenza. Il silenzio mi insegna a far cantare la mia Anima>>.”

La guardai un pò stranito, ma poi, decisi di fare un tentativo. Mi immersi nel letto del fiume, chiusi gli occhi e provai a cercare il mio silenzio. Ma continuavo a non trovarlo. La mente ronzava troppo, piena di pensieri futili. Notai che appena provavo a fare dei pensieri deleteri, nonostante l’acqua fosse bassissima, piano piano scendevo all’interno del suo fango. Questo mi preoccupava sempre di più, e la guardai Ereshkigal in cerca di risposte.

“Ogni volta che la tua attenzione non sarà focalizzata, continuerai a sprofondare, fino a che non troverai un equilibrio. Cerca in te, impegnati a trovare qualcosa che ti porti al silenzio! Cerca nel tuo piccolo Io!”

Continuai a chiudere gli occhi e, piano piano, cominciai a cercare un pensiero soffice al quale aggrapparmi, che fosse più forte della paura. Scendevo sempre di più, arrivai ad essere coperto di fango fino al collo, cominciai a non respirare più. La mente entrò in un mix di paura e continua ricerca. Aprii gli occhi e vidi il mio corpo innalzato da quella situazione e portato a riva.

“Non devi preoccuparti se non stai riuscendo, sono situazioni difficili da attuare la prima volta -disse- ma ti insegnano a trovare la calma e la decisione in momenti in cui la pressione ti colpisce ovunque: a lavoro, nella quotidianità ,in famiglia e tu devi essere in grado di saper gestire tutto trovando un appiglio, il silenzio dentro. Si cresce trovandosi con la merda fino al collo, e questo è il primo insegnamento che applicherai: trovare il tuo silenzio. Ora riprova seduto sulla riva!”

Richiusi gli occhi e adesso sembrava di essere nella mia dimensione più naturale: passata la paura, mi persi alla ricerca. Trovai un punto lontano da me e mi abbandonai a quel vuoto. Cominciai a ripetere il mantra, Ereshkigal con me. Si creò un cerchio di fuoco attorno a noi, tutte le Anime del bosco uscirono e ripetevano con noi.

Di colpo, aprii gli occhi e trovai la tela finita di fianco a me: la luce fioca era sempre attorniata dalla nebbia. Ma emanava fuoco.

Sulla cornice un bigliettino: “Sei pronto per tornare a casa”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...